blinkmakers

L’evoluzione liquida

Acqua azzurra, acqua chiara” recitavano in una calda estate le potenti parole di Lucio Battisti, raccontando di un amore puro, puro come acqua limpida e trasparente che “con le mani posso finalmente bere”.

[Continua a leggere …]

la stanza dei cinici

Venghino signori, venghino, ecco il ladro di comunicazione!

CHARLIE'S SUGGESTION

È ufficiale, è finita un’era. La lunga reggenza della “famiglia dal bian biscotto” che ha contagiato il sistema consumi per decenni è svanita sotto gli effetti della prolungata crisi di mercato.

[Continua a leggere …]

officina della comunicazione

Fuori dal Salone, fuori dagli schemi

CHARLIE'S SUGGESTION

Prendi una sorprendente giornata di sole di fine marzo a Milano. Le ore calde e dorate del tardo pomeriggio, il fluire dell’acqua trasparente, i fiori appena sbocciati.

[Continua a leggere …]

#3 Pillola di cinismo

La riflessione del giorno potrebbe sembrare a sfondo politico, ma non lo è, anche se prende spunto da una notizia politica. [Continua a leggere …]

Il degrado che aggrada
Chi conosce davvero bene la regione Marche? Tra vizi e virtù, ce la raccontano un gruppo di anonimi e inusuali ‘osservatori’ dei tempi che cambiano. Un modo come un altro, ma ben diverso da tanti altri, per continuare a tenere accesi i riflettori sul terremoto e la ricostruzione

CHARLIE'S SUGGESTION

Sono un gruppo di giovani marchigiani o forse adulti o forse anziani. Ma poco importa. Di loro non sappiamo molto, tranne che sono gli ideatori e narratori di Degrado Post Mezzadrile, un vero e proprio movimento virtuale con tanto di fans page su facebook  e blog in cui viene raccontato con lucida ironia il nuovo tempo del vivere marchigiano.

[Continua a leggere …]

officina della comunicazione

Scegliere di agire o agire per scegliere?

“Eleggere ciò che par meglio”, prendendo a prestito le parole dell’autorevole Treccani, implica lo scegliere in che direzione agire.

È quindi la scelta che ci porta all’azione o al contrario è ciò che facciamo che ci conduce a una decisione?Ma ancor più, come scegliere ciò che “par meglio” senza giungere, parafrasando Clive Staples Lewis ne “Le lettere di Berlicche”, a trascorrere gran parte della propria vita facendo né ciò che si è né ciò che ci piaceva? E se volessimo farci una peggiore fantasia, immaginiamo di trasferire questo stesso dilemma alla responsabilità del sostentamento e quindi, in ultima analisi, del lavoro.

[Continua a leggere …]

officina della comunicazione

Agire per credere!

In un mondo in cui si segue l’insistente persistenza dell’omologazione della persona in funzione dello strumento, del tipo, e tanto per dirne una, “le 10 regole d’oro per persuadere”, si creano due categorie “coloro che sapranno applicarle” e “coloro che si sentiranno incapaci di utilizzarle”. Il punto è che i secondi non sono inferiori ai primi, ma semplicemente differenti.

[Continua a leggere …]

officina della comunicazione

Osservarti da fuori per sentirti dentro

Nelle sessioni di coaching che intervallano il percorso B_Link dei mestieri rifiniamo il lavoro e l’allenamento svolto in aula, ancorando la sintonizzazione della propria evoluzione personale col mestiere scelto e opportunisticamente costruito sulle necessità del contesto professionale in cui si agisce o in cui si vorrebbe agire.

[Continua a leggere …]

ID@azione, l’intraprendere dell’impresa

Le idee possono cambiare, così come i mercati, e dovrebbero essere ritenute valide solo per il tempo in cui funzionano o, parimenti, non essere ritenute valide se non funzionano.

[Continua a leggere …]

Pulpa l’avvoltoio della mala informazione

Questa non è una storia d’immaginazione, una di quelle storie catastrofiche che si penserebbe partorita da un’illuminata mente hollywoordiana alla Spielberg per sbancare i botteghini dei cinema di tutto il mondo. No, questa non è finzione, ma realtà.

[Continua a leggere …]