b_linkisti

Amedeo Patrizi
Amedeo Patrizi
IL TRASFORMISTA

Sono romano, classe 1969. Ironico e pungente quanto basta, coinvolgente e vulcanico con esuberanza, attratto più dalla concretezza dell'azione che dalla teoria del pensiero. Non mi trovo particolarmente a mio agio con chi mi dice cosa devo fare e soprattutto con chi pretende di suggerirmi come devo farlo. Sono creativo e quando è stata distribuita la pazienza, io mi ero stancato di fare la fila. Mosso dall'importanza di avere l'opportuna cura del corpo e della propria immagine (ma nel giusto bilanciamento "essere per apparire" e non il contrario), sono da sempre rimasto affascinato dalle parole di Karl Kraus "per essere perfetta le mancava solo un difetto". E così dell'imperfezione che può divenire differenziazione estetica e di stile ho fatto il mio leitmotiv professionale quando, all'età di 18 anni, mi sono innamorato del make-up. Ho avuto e continuo ad avere la fortuna di imparare da maestri eccellenti e l'onore di lavorare per grandi aziende in diverse parti del mondo, ho approfondito ogni ambito e aspetto del settore della bellezza e oggi offro la mia consulenza in qualità di formatore su temi legati alla comunicazione e all'immagine, che in fondo sono la stessa cosa, al make-up e al marketing creativo. Dopo 30 anni come consulente di immagine continuo a cercare di abbattere i muri della banalità estetica a favore della valorizzazione di quell'unicum individuale e personale che fa la differenza. Trovo molto più avvincente scoprire le bellezze che ogni persona nasconde piuttosto che proporre soluzioni omologanti e standardizzate solo perché di gran voga. Parlando con me non aspettatevi di avere i diktat delle tendenze del momento o must-have di qualsiasi genere, quanto piuttosto qualche piccolo suggerimento legato alla mia esperienza ma slegato da ogni moda passeggera e profondamente connesso con ogni singolo individuo. E a chi pensa che la bellezza sia solo un fatto di misure e proporzioni perfette io rispondo che lo stile è trasformazione, proprio come la vita, che non rimane mai uguale a sé stessa. Trasformare per valorizzare l'essenza senza in alcun modo tradirla è un'arte che richiede l'abilità di miscelare competenza e umiltà con grande sapienza. Del resto come diciamo in Blink, dove mi occupo proprio della comunicazione estetica in tutte le sue molteplici sfaccettature comunicative, "non si può non apparire", quindi tanto vale farsene una ragione e agire in conseguenza. Ed è questo il mio obiettivo in qualità di trasformista dell'essere che appare: costruire la soluzione che genera differenza. E allora forse sono più semplicemente un creatore di soluzioni, perché ciò che mi spinge ad amare il mio mestiere è proprio il desiderio di costruire soluzioni personalizzate che valorizzino lo stile individuale elevandone l'essenza personale. Se la bellezza sia poi un'opinione o un fatto ancora nessuno lo sa, tantomeno se davvero sarà lei a salvare il mondo ma, nel caso, meglio non farsi trovare impreparati.